L’agricoltura verticale è una soluzione per coltivare in condizioni particolari: vicino alle aree urbane, senza consumo eccessivo di terreno, massimo risparmio di acqua, assenza dell’uso di fitofarmaci.

 

1.     Dove si potrà sviluppare in futuro e a quali condizioni?

 Lo sviluppo dell’agricoltura verticale potrebbe avere un grande ruolo nel futuro della produzione alimentare globale.

  • Produzione affidabile di colture per tutto l'anno

Il più grande vantaggio dell'agricoltura verticale è il fatto che non dipende dalle condizioni atmosferiche - il che significa che si può ottenere una produzione di colture tutto l'anno senza preoccuparsi dell'impatto delle condizioni meteorologiche avverse che possono avere sia sulla qualità che sul profilo della produzione e della resa.

La coltivazione in un ambiente protetto, ben monitorato e gestito porta sicurezza e tranquillità ai coltivatori, fornendo una produzione programmabile ripetibile.

Eliminando gli effetti di madre natura, non esiste un "raccolto stagionale" e i coltivatori non soffrono di perdite quando cercano di forzare le finestre di produzione delle "coltivazioni stagionali".

Possono anche ridurre con successo i tempi di raccolta e migliorare il volume senza compromettere il sapore o la qualità, che rimane sempre coerente al 100%. Infatti, il sapore e la durata di conservazione sono stati costantemente in grado di dimostrare attributi migliori quando si usa un sistema di coltivazione verticale indoor, se progettato e gestito correttamente.

Questo permette ai coltivatori commerciali di impegnarsi con fiducia nei programmi di consegna e negli accordi di fornitura richiesti dai loro clienti.

  • Insensibile alle condizioni climatiche avverse

La coltivazione in un ambiente completamente chiuso e a clima controllato elimina completamente la necessità di fare affidamento su - o preoccuparsi per - il tempo.

Mentre i raccolti in un campo possono essere rovinati dalla pioggia eccessiva, dal vento e dalla siccità (o dai parassiti!), l'agricoltura verticale fornisce il 100% di certezza del raccolto.

  •  Migliore utilizzo dello spazio

Va da sé che le produzioni tradizionali hanno bisogno di terreni fertili e coltivabili. Ma le vertical farm possono essere progettate e costruite in qualsiasi clima o luogo - indipendentemente dalle condizioni climatiche o dalle temperature estreme.

E poiché i loro sistemi di coltivazione impilati permettono di espandersi verso l'alto, è anche possibile ottenere una maggiore produttività su una piccola superficie di terreno.

A seconda del tipo di coltura, 100m2 di vertical farm tecnologica potrebbe costantemente coltivare l'equivalente di migliaia di metri quadrati di terreno.

  • Minimizzare l'uso dell'acqua

Uno dei principali vantaggi dell'agricoltura verticale è che il processo di coltivazione idroponica utilizza meno del 5% della quantità di acqua, e di conseguenza i nutrienti, rispetto ai metodi tradizionali. Poiché l'acqua è pulita dopo l'uso, permette anche di riciclarla e riutilizzarla, riducendo i costi e minimizzando i rifiuti.

  • Rispetto per l'ambiente

L'agricoltura indoor può essere un bene per l'ambiente perché riduce massicciamente la quantità di combustibili fossili necessari per le attrezzature agricole che non sono necessarie per seminare, fertilizzare, diserbare o raccogliere i raccolti.

L'agricoltura verticale aiuta anche a migliorare la biodiversità perché non provoca il disturbo della superficie del terreno, il che aiuta la popolazione animale naturale che vive nelle fattorie e nei dintorni a prosperare.

  • Nessun prodotto chimico o pesticida

Coltivare il cibo in una vertical-farm tecnologica, se gestita correttamente, offre l'opportunità di eliminare completamente la necessità di pesticidi - poiché i parassiti non possono entrare nell'ambiente controllato per causare danni alle colture e le malattie fungine fanno fatica a proliferare perché sono gestiti e come nel caso di ONO Exponential Farming in ambienti pressurizzati. Il risultato finale è un prodotto migliore, più sano, più sicuro e con foglie secche, pulite e pronte da mangiare.

  •  Riduzione dei costi di trasporto

Quando si tratta di produzione alimentare, la consegna all'ultimo chilometro è di solito la parte più costosa della catena di fornitura. E non è raro che i raccolti vengano spediti attraverso i continenti e gli oceani.

Coltivare il cibo più vicino a dove vive il consumatore è un enorme vantaggio dell'agricoltura verticale, in quanto può ridurre massicciamente i costi di trasporto, le emissioni di CO2 e ridurre la necessità di stoccaggio refrigerato - rendendo i prodotti più freschi e più redditizi ovviamente a patto di non costruire unicamente delle GIGA-farm soprattutto dove la domanda locale non lo richiede.

  •  Sicurezza per il personale

L'agricoltura tradizionale ha guadagnato una reputazione indesiderata di essere un luogo di lavoro pieno di rischi per la salute e la sicurezza. Senza l'utilizzo di macchinari pesanti o prodotti chimici, l'agricoltura indoor non presenta gli stessi rischi professionali, riducendo significativamente il rischio di lesioni.

  •  Basso costo di manodopera

I sistemi di coltivazione indoor completamente automatizzati non hanno bisogno di elevate quantità di lavoro manuale per ottenere una produzione di successo per tutto l'anno. Le persone con abilità di basso livello sono ancora necessarie per smistare e confezionare i raccolti, ma le spese generali della manodopera rimarranno basse - anche se la produzione viene scalata verso l'alto.

 

2.     Oltre all’utilizzo dell’energia che appare consistente, quali sono i principali ostacoli da superare e quali potrebbero essere le tecnologie utili per agevolare la diffusione?

 

Un impianto di vertical-farm può funzionare solo attraverso l’uso di fonti energetiche per alimentare i diversi sistemi che lo compongono. Questa energia se proveniente da fonti rinnovabili contribuisce al contenimento dei gas serra per la salvaguardia del clima.

Il maggiore uso è costituito dall’illuminazione LED che permette di ridurre i tempi necessari alla crescita, se comparata con l’agricoltura tradizionale. Le lampade LED stanno vivendo una fase di enorme evoluzione soprattutto per quanto riguarda sia il consumo di energia che di efficacia, determinando un’efficienza via via sempre maggiore portando alla compressione della necessità di assorbimento energetico rapportato al risultato ottenuto.

Se è vero che il costo energetico risulta essere un importante fattore che determinala la profittabilità dell’impianto, non deve essere dimenticato il risparmio dell’uso di una risorsa fondamentale per la vita dell’uomo su questo nostro pianeta: l’acqua. L’agricoltura tradizionale è la causa del 70% di consumo di acqua dolce sulla Terra che senza di essa la vita non sarebbe possibile. L’agricoltura verticale è capace di risparmiare fino al 98% dell’uso di acqua a parità di quantità di produzione. Già oggi viviamo le problematiche legate alla scarsa disponibilità di acqua e nella bilancia tra uso di energia e risparmio di acqua, quest’ultimo sarà la chiave dominante nella comparazione dei sistemi di produzione di cibo.

 

3.     Dall’Asia all’Africa, dall’Europa agli Stati Uniti. Ci saranno modelli di vertical farming differenti?

 

Esistono ad oggi diversi concept di vertical farm (container, rack fissi, pareti verticali, cilindri rotanti, …) e probabilmente nel prossimo futuro vedremo un massiccio utilizzo della robotica applicata a questa nuova forma di agricoltura. ONO Exponential Farming rappresenta oggi l’unica piattaforma tecnologica dove convergono Meccatronica, Robotica, Intelligenza Artificiale, algoritmi di Machine Learning, Biotecnologie e Agronomia. La nostra piattaforma permette a chiunque di poter coltivare in modo sostenibile, agile e profittevole anche senza disporre di conoscenze pregresse in agricoltura: di fatto si tratta del primo vero impianto produttivo autonomo al mondo.

 

4.     Oggi la Politica agricola comune non riconosce incentivi all’agricoltura verticale. Quali sono gli ostacoli da superare?

 

Non credo che si possa parlare di “ostacoli” bensì di conoscenza e innovazione.

La politica arriva sempre molto dopo la generazione di disruption che cambiano di fatto le regole dell’economia e del lavoro. Il cambiamento climatico e la necessità di garantire le catene di fornitura di cibo daranno sicuramente un’accelerazione al cambiamento del quadro normativo anche in un Paese così conservativo come l’Italia.

Quando siamo partiti con il nostro progetto, l’Italia era uno degli ultimi scenari di sviluppo che avevamo preso in considerazione, data la disponibilità di risorse e conoscenze in campo agricolo presenti nel nostro Paese. Negli ultimi mesi, le maggiori richieste di approfondimento su ONO EF le abbiamo però ricevute dalle aziende agricole proprio di casa nostra.

Il cambiamento sta iniziando a manifestarsi proprio da chi vive quotidianamente dei problemi del cambiamento climatico di cui parlavamo prima che non riesce da dare più la stessa garanzia di risultato sulla produzione agricola di cui abbiamo sempre goduto.

Thomas AMBROSI - Amministratore Delegato Ono Exponential Farming