Il via libera agli incentivi per i nuovi impianti di produzione di energia elettrica da biogas, biometano e digestato di potenza inferiore a 300 kW è un grande risultato ottenuto dalla Coldiretti. E’ quanto ha affermato il presidente Ettore Pandini in riferimento all’approvazione dell’emendamento al milleproroghe che riapre i bandi, nell’anno in corso, per l’ammissione agli incentivi per i nuovi piccoli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

“Si tratta di un intervento atteso dalle imprese agricole impegnate in un difficile processo di innovazione per lo sviluppo sostenibile” - ha precisato Prandini – nel sottolineare l’importanza della norma per sostenere l’economia circolare e sostenere i primati green dell’agricoltura italiana. Una norma che – ha sottolineato la Coldiretti -  riguarda gli impianti nell’ambito del ciclo produttivo di una impresa agricola e di allevamento realizzati dagli imprenditori agricoli contribuisce al raggiungimento degli obiettivi europei in materia di economia circolare diretti a salvaguardare e a migliorare la qualità dell’ambiente e a garantire un utilizzo efficiente e razionale delle risorse naturali. Si torna così – ha precisato la Coldiretti - ad utilizzare la sostanza organica anche per contrastare la preoccupante desertificazione dei terreni.

L’approvazione dell’emendamento completa il sostegno alle energie rinnovabili di origine agricola che Coldiretti ha fortemente chiesto, ricordando come già la legge di stabilità abbia previsto il diritto di continuare ad usufruire di un incentivo sull’energia elettrica anche agli impianti alimentati a biogas con obbligo di utilizzo di almeno il 40% di effluenti zootecnici entrati in esercizio entro il 31 dicembre 2007 che non abbiano avuto modo di riconvertire la produzione di biometano per effetto dei ritardi nella fase di approvazione e quindi di attuazione del DM 2 marzo 2018 di incentivazione del biometano.

 

MILLEPROROGHE: GATTONI (CIB), SODDISFAZIONE PER OK A PROROGA INCENTIVI 2020 PER IMPIANTI BIOGAS
Il  CIB - consorzio italiano biogas esprime soddisfazione per l'approvazione da parte delle commissioni affari costituzionali e bilancio della camera dell'emendamento al decreto milleproroghe che dispone la proroga per il 2020 degli incentivi per gli impianti di produzione di energia elettrica alimentati a biogas fino a 300 kw che facciano parte del ciclo produttivo di un'impresa agricola. "questa proroga - spiega Piero Gattoni, presidente cib -rappresenta un elemento di continuita' indispensabile per la programmazione degli investimenti dell'industria che, molto si e' spesa in questi anni, per l'innovazione e la ricerca”. 

 
MILLEPROROGHE: GIANSANTI (CONFAGRICOLTURA), BENE INCENTIVI PER IMPIANTI BIOGAS E BONUS VERDE

"Siamo soddisfatti per la conferma anche per il 2020 degli incentivi agli impianti di produzione di energia elettrica alimentati a biogas, con potenza elettrica non superiore a 300 kw e facenti parte del ciclo produttivo di un'impresa agricola e di allevamento; portiamo a casa un nostro grande risultato, che sottolinea l'importanza strategica delle bioenergie, un modello di sviluppo che mette al centro la sostenibilita', l'economia circolare e l'innovazione tecnologica; in italia si contano quasi 2 mila impianti e piu' di 12 mila occupati", ha detto il presidente di confagricoltura, Massimilisno Ginsanti, in relazione alla conversione in legge del dl milleproroghe - sottolinea l'organizzazione in un comunicato - che ha concluso il suo iter nelle commissioni riunite affari costituzionali e bilancio della camera e che lunedi' verra' approvato dall'aula (il governo ha posto la fiducia per accelerare i tempi di approvazione). "Il milleproroghe ha anche confermato il 'bonus verde', come avevamo sollecitato; era importante dare continuita' a uno strumento che comunque riteniamo potra' essere ulteriormente migliorato", ha proseguito Ginsanti. "e' stata accolta pure la nostra richiesta di prorogare di un anno l'esenzione della certificazione antimafia; bisogna attrezzarsi a dovere per un obbligo che interessa circa un milione di agricoltori beneficiari dei fondi europei", ha osservato il presidente. "grazie all'azione di Confagricoltura e' stato prorogato il passaggio al nuovo sistema di denuncia contributiva mensile all'inps per le giornate di lavoro svolte dagli operai agricoli (uniemens agricolo); la proroga si e' resa necessaria per le difficolta' procedurali connesse al nuovo sistema; pero' in tre mesi non si risolvono problemi molto complessi", ha concluso Ginsanti.

FIERAGRICOLA E' MEMBRO DI

IN COLLABORAZIONE CON

PARTNER UFFICIALI

MOBILITY PARTNER

CON IL PATROCINIO DI