L’analisi di Fieragricola di Verona (31 gennaio-3 febbraio 2018) su dati Clal.it

Latte fresco, Uht e yogurt nel primo trimestre 2017 calano nei consumi domestici rispettivamente del 3,8% del 2,4% e dell’1,3 per cento. A dirlo sono le elaborazioni di Clal.it, portale di riferimento mondiale del settore lattiero caseario.

Il periodo analizzato, come detto, è il periodo gennaio-marzo 2017 su base tendenziale, a confronto cioè con i primi tre mesi del 2016.

 

Alcune Dop frenano, altre crescono

Frenano anche i consumi interni Grana Padano (-1%) e Parmigiano-Reggiano (-7,1%), mentre crescono del 5,9% i consumi dei formaggi duri generici e del 4,4% i consumi dei grattugiati. Con riferimento ai formaggi Dop, crescono i consumi rispetto al primo trimestre del 2016 di Gorgonzola (+1,4%), Provolone (+0,2%), Asiago (+3,1%), Pecorino (+2,8%) e mozzarella (+1,2 per cento).

Nonostante le buone performance di prezzo, quotato a Milano (20 aprile 2017) a 4,35 €/kg, con un incremento del 2,41% rispetto alla quotazione precedente e del 84,78% rispetto a un anno fa, i consumi interni di burro sono retrocessi nel primo trimestre dell’anno del 9,1 per cento.

 

Missione export

Per le grandi Dop a pasta dura la sfida è orientata alle esportazioni, possibile via d’uscita per non soccombere a una diminuzione dei consumi interni. Sia Grana Padano che Parmigiano-Reggiano hanno pianificato azioni di impatto per conquistare nuovi mercati ed espandersi in quei Paesi nei quali c’è già una presenza consolidata.

 

Dopo il 30 aprile?

In vista del rinnovo del contratto di fornitura del latte, in scadenza domenica 30 aprile, non è esclusa in questa fase qualche mossa speculativa attuata per ottenere un ribasso del prezzo del latte. In base al criterio di indicizzazione, introdotto nell’ultimo accordo tra produttori e industria di trasformazione, a definire il prezzo della materia prima sarà per il 70% il valore medio del latte alla stalla nei Paesi europei e per il 30% è invece collegato ai listini del Grana Padano, che raccoglie il 40% di tutta la produzione lattiera della Lombardia.

 

Grana Padano e Parmiggiano Reggiano

L’ultima quotazione del Grana Padano «10 mesi» sulla piazza di Mantova (20 aprile) è stata di 6,65 €/kg , con una flessione del 2,92% rispetto alla quotazione precedente. Anche il Parmigiano-Reggiano, il cui andamento non influisce (per ora) sull’indicizzazione contrattuale di fornitura del latte, ha perso lo 0,52% nella seduta borsistica di giovedì 20 aprile a Milano, retrocedendo a 9,58 euro al chilogrammo.

 

Fonte: Fieragricola News

FIERAGRICOLA E' MEMBRO DI

IN COLLABORAZIONE CON

PARTNER UFFICIALI