Dopo anni il ritorno a Fieragricola 2020

È conto alla rovescia per la 114ª edizione di Fieragricola, rassegna internazionale dedicata all’agricoltura, con una formula trasversale che unisce in una sola manifestazione meccanica agricola, zootecnia, energie da fonti rinnovabili, colture specializzate ad alto valore aggiunto, servizi, chimica e mezzi tecnici per l’agricoltura, due aree dinamiche.

L’Ufficio stampa di Fieragricola ha intervistato alcuni dei protagonisti della manifestazione, in programma a Veronafiere dal 29 gennaio all’1 febbraio 2020.

Perché avete scelto di partecipare a Fieragricola? È un ritorno a Verona o la prima partecipazione alla manifestazione?

Il nostro è un ritorno dopo un’assenza di oltre vent’anni. La tendenza a livello mondiale è di ridurre il numero di fiere e renderle bi o triennali. Secondo questa logica abbiamo fatto in passato delle scelte che hanno penalizzato Fieragricola. Il motivo del nostro ritorno non è solo uno. Innanzitutto Fieragricola si e rilanciata nelle ultime edizioni. Inoltre il nuovo rapporto iniziato con la ditta Slovena Sip aveva bisogno di una presentazione in una vetrina importante ed ufficiale e trattandosi di macchine da fienagione non potevamo perdere l’anno 2020. Inoltre anche McHale si presenta con una gamma rinnovata di rotopresse e quindi l’insieme di questi fattori ci ha convinti a tornare a Verona

Quali novità tecnologiche porterete?

Come dicevo le nuove rotopresse McHale sono una novità importante per il mercato italiano ed inoltre tutta la gamma SIP è un po’ una novità per il nostro mercato ma soprattutto la gamma dei ranghinatori ad aspo Air con il modello Air 500 T sono una novità importante rivolta a tutti gli allevatori che sono alla ricerca di macchine che diano vantaggio in termini di qualità del foraggio
Qual è la vostra mission aziendale?

Save esiste da più di 60 anni. Siamo alla seconda generazione e da sempre abbiamo ricercato marchi, macchine e tecnologie innovative capaci di dare vantaggi tangibili agli agricoltori italiani. Oggi ancora di più che in passato questa filosofia aziendale ci ha permesso di rimanere sul mercato con successo. In un mercato da anni in forte contrazione il nostro fatturato è aumentato ed è la dimostrazione che anche l’agricoltura italiana sta cambiando e rimarranno sul mercato solo quelle aziende capaci di offrire prodotti di qualità con tecnologie avanzate ed innovative
Qual è lo scenario di mercato del vostro settore e che progetto avete per il futuro?

Non ci facciamo troppe illusioni sull’andamento del mercato. Continuerà una sostanziale stagnazione o un ulteriore decremento. Rimaniamo dell’idea che le aziende agricole che rimarranno dovranno strutturarsi con tecnologie adeguate che gli permettano di avere la giusta remunerazione qualunque sia la cultura o l’andamento dei prezzi dei prodotti agricoli. Continuiamo quindi sulla strada percorsa negli ultimi decenni sicuri di aver fatto le scelte giuste. Il 2020 per noi sarà l’anno della svolta sulla gamma da fienagione. Per anni abbiamo avuto grande successo con la nostra gamma lavorazione terreno semina e cura delle colture con Amazone. Siamo stati precursore nel diserbo biologico con la ditta Einboeck con cui abbiamo consolidato una posizione di primaria importanza in questa nicchia di mercato. Con i caricatori Stoll abbiamo una quota di mercato importantissima in Italia nonostante una nutrita presenza di costruttori nazionali.

Con la gamma fienagione invece abbiamo sofferto per molti anni. Crediamo che Sip sia la scelta giusta per il nostro rilancio in questo settore e siamo altrettanto sicuri che con McHale abbiamo scelto la migliori rotopresse e fasciatrici presenti sul mercato. Elho coi ranghinatori ad aspo ci garantisce un prodotto di qualità e soprattutto un foraggio di qualità. Queste sono premesse importanti per noi. Siamo sicuri che Fieragricola sarà un impietrente trampolino di lancio per questi marchi e per questi prodotti.

Fonte: Ufficio stampa Fieragricola

FIERAGRICOLA E' MEMBRO DI

IN COLLABORAZIONE CON

PARTNER UFFICIALI

MOBILITY PARTNER

CON IL PATROCINIO DI