Nell’interesse di agricoltori e cittadini europei

“La decisione di armonizzare a livello comunitario la produzione e l’etichettatura dei fertilizzanti va nell'interesse dei nostri agricoltori e di tutti i cittadini europei”. Lo ha detto Paolo De Castro, primo vicepresidente della Commissione agricoltura del Parlamento europeo, commentando oggi in Aula a Strasburgo, il compromesso raggiunto dopo oltre un anno di trattative su questo delicato dossier dai negoziatori di Parlamento, Consiglio e Commissione europea. Per De Castro: “i prodotti fertilizzanti di qualità sono e saranno sempre più fondamentali per lo sviluppo di modelli agricoli più produttivi, e allo stesso tempo sostenibili, che nel futuro dovranno rispondere alla pressante sfida dell’accesso al cibo producendo di più, ma utilizzando meno input”. “Si tratta - prosegue l'eurodeputato PD - di una delle proposte legislative-chiave nell'ambito del piano d'azione Ue per l'economia circolare, che rinforza i principi e le norme di sicurezza, qualità dei prodotti e tutela dell'ambiente e della salute umana, abbassando anche i limiti dei prodotti contaminanti e incentivando la ricerca per ridurli ulteriormente”. Il futuro quadro normativo permetterà di immettere sul mercato interno fertilizzanti innovativi con il marchio CE contenenti nutrienti o materie organiche riciclati, che al momento hanno difficoltà ad accedere a causa di regole e norme nazionali divergenti. Verranno garantiti anche ricerca e sviluppo tecnologico, con incentivi e risorse finanziarie disponibili nel quadro dei programmi europei già operativi: sono infatti in gioco oltre 100mila posti di lavoro e centinaia di PMI, con un fatturato annuo complessivo tra i 20 e i 25 miliardi di euro. “L'Unione europea - conclude De Castro - si conferma ancora una volta capofila a livello globale nello sviluppo sostenibile, creando le condizioni per la sempre maggior diffusione di prodotti innovativi, efficaci e a ridotto impatto ambientale, e garantendo allo stesso tempo la disponibilità di fertilizzanti a prezzi equi, senza creare distorsioni di concorrenza a scapito dei nostri agricoltori”. 
 
 

 

Fonte: Paolo De Castro

 

FIERAGRICOLA E' MEMBRO DI

IN COLLABORAZIONE CON

PARTNER UFFICIALI