13
FEB
2019

Chimica e sementiero

LA MAPPA MONDIALE DELLA SOIA: TRE PAESI PRODUCONO L’82%

PER L’UNIONE EUROPEA PRODUZIONI, IMPORT E CONSUMI IN CRESCITA

Stati Uniti, Brasile, Argentina. Questi tre paesi producono l’82% la produzione globale di soia, arrivata 360,9 milioni di tonnellate. L’Unione europea, secondo le previsioni del Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), nell’annata 2018-2019 produrrà appena 2,7 milioni di tonnellate, in crescita dell’1,2 per cento rispetto alla campagna precedente. Molto poco, si tratta di appena lo 0,7% della produzione mondiale.

Secondo l’Usda cresceranno in Ue-28 le importazioni (+8,3%) e i consumi (+9,9 per cento). L’Italia, insieme a Francia e Romania, è fra i principali produttori europei di soia e i prezzi globali previsti in aumento potrebbero far crescere le produzioni, fino a un massimo di 1,2-1,3 milioni di tonnellate, secondo le stime di Assalzoo.

La Commissione europea alla fine del 2018 ha elaborato un piano per lo sviluppo delle proteine vegetali in Ue. Finora, però, non vi sono strategie concrete o piani specifici di rilancio. Tutto fermo? Non proprio. La Francia, invece, nei giorni scorsi ha convocato i rappresentanti di tutti gli operatori della filiera, per definire una concertazione nazionale in vista appunto di un piano specifico per le proteine vegetali. Lo ha reso noto il ministero francese dell’Agricoltura e dell’alimentazione.

La volontà di incrementare i volumi delle proteine vegetali ha una duplice spiegazione. Innanzitutto, per incrementare la disponibilità di soia negli allevamenti, migliorare la qualità dei suoli e contenere le missioni ambientali da parte l’agricoltura. Inoltre, per rispondere alle esigenze del mercato, perché a livello di consumi si sta intensificando la domanda di prodotti a base di proteine vegetali.

Nondimeno, anche le tensioni registrate negli ultimi mesi sui dazi fra i grandi blocchi geopolitici del pianeta (Stati Uniti, Unione Europea, Cina) giocano un ruolo di spicco in agricoltura.

Lo scorso anno, fra gennaio e settembre, l’Italia ha aumentato del 7,6% su base tendenziale le importazioni di soia, con il Nord America che è passato da 200.000 tonnellate a quasi 570.000 tonnellate.

 

 

Fonte: Ufficio Stampa Fieragricola

 

Previous

CLAUDIO PREVIATELLO: " HO SCOMMESSO SULLA CANAPA PER...

Next

GLI STATI UNITI PREOCCUPATI PER IL MERCATO INTERNAZIONALE...