02
MAR
2018

Vigneto/Frutteto

AD ENOLITECH L’INNOVAZIONE DEI SERVIZI E DELLE TECNOLOGIE ARRIVA ANCHE DALLO SPAZIO

Il Salone Internazionale delle Tecniche per la Viticoltura, l’Enologia e delle Tecnologie Olivicole ed Olearie si riorganizza in due grandi aree tematiche: macchinari e servizi. Molte le nuove aziende anche dall'estero. Servizi e tutela dell’ambiente le parole chiave di questa edizione.

Protocolli per la viticoltura e l’agricoltura di precisione messi a punto con l’Agenzia spaziale europea, sistemi brevettati antimanomissione e anticontraffazione delle bottiglie, selezionatrici capaci di eliminare a uno a uno tutti gli acini marci anche se dello stesso colore di quelli sani. Sono queste alcune delle innovazioni in mostra ad Enolitech 2018, il Salone Internazionale delle Tecniche per la Viticoltura, l’Enologia e delle Tecnologie Olivicole ed Olearie in calendario dal 15 al 18 aprile.

 

In aumento gli espositori esteri, in arrivo soprattutto da Europa ed Estremo Oriente, a proseguire un trend che si consolida nel tempo e che ha visto la presenza nell’edizione 2017, quella del ventennale, di 200 aziende, delle quali il 13% estere. I visitatori erano stati 40.000, il 22% da 102 Paesi, con un incremento significativo degli operatori asiatici, in particolare da Cina, Giappone e Singapore. Servizi e tutela dell’ambiente sono gli ambiti di maggiore innovazione proposti quest’anno dalle aziende espositrici. Viticoltura di precisione con l’Agenzia Spaziale Europea.

 

Nel riorganizzato padiglione F di Veronafiere, diviso in due grandi aree tematiche - Area Macchinari e Area Servizi-Accessori -, sono infatti in aumento le imprese che offrono servizi, tra questi: logistica per piccole spedizioni adatte all’e-commerce e per la spedizione in container per l’export vero e proprio; analisi di laboratorio di tutti i tipi a dimostrazione di una crescente attenzione della cantine a capire e guidare i processi di produzione del vino; software per la viticoltura e l’enologia, con soluzioni tagliate su misura per ogni azienda; sistemi anticontraffazione, come quelli proposti da Livia Drusilla Italy, e di riciclaggio completo delle etichette come RafCycle. La tutela dell’ambiente interessa in maniera trasversale le proposte di tutti gli espositori. New entry per le tecnologie di campagna il Consorzio di Ricerca Hypatia, che presenta ad Enolitech il programma ARTES Business Applications, realizzato in collaborazione con l'Agenzia spaziale europea per l’applicazione della viticoltura di precisione

 

Nell’Area Macchinari trovano spazio principalmente le tecnologie e i mezzi tecnici per la produzione, proposti da aziende leader internazionali: dal vivaismo viticolo e olivicolo, all’impiantistica e ai materiali per la coltivazione; dai macchinari ed attrezzature per la raccolta – novità di quest’anno la presenza di Raytec Vision, con la sua selezionatrice multi-frequenza - e la lavorazione ai macchinari e attrezzature per la produzione, oltre a botti, barili, barrique e tini; dai macchinari per l’imbottigliamento e il confezionamento fino a quelli per l’imballaggio.

 

Forte quest’anno anche la presenza del settore edile, segno di una ripresa del mercato delle costruzioni. Tra i nuovi espositori, Aco Passavant, uno dei massimi esperti al mondo di sistemi di drenaggio in acciaio inox delle acque reflue, Pircher con impianti di raccolta, trattamento e depurazione delle acque derivanti da scarichi civili e industriali, cisterne, sedimentatori; IPM Italia con i pavimenti in resina e Sika con le pavimentazioni industriali, che si aggiungono ai già presenti Giaretta, Pava Resine e Luisetto Cantieri.

 

Alle storiche aziende che riconfermano la loro presenza - Della Toffola, Italesse, Albrigi, Winterhalter e Oma, Bormioli Luigi, anche quest’anno sponsor ufficiale di Vinitaly, con la fornitura di tutti i calici per le aree istituzionali (ristoranti, sale degustazioni, Vinitalybio, Vivit) – molte le nuove adesioni dall’estero, in particolare da Francia, Repubblica Ceca, Spagna, Estremo Oriente e, per la prima volta, Grecia. Etichette, packaging & Co.

 

Grandi protagonisti del Salone internazionale le bottiglie, le etichette e in generale tutti gli elementi dell’abbigliaggio e del packaging del vino e dell’olio. Proprio l’abbigliaggio e il packaging del vino, dei distillati, dei liquori e dell’olio extra vergine d’oliva sono il focus del Concorso Internazionale Packaging, in programma giovedì 1 marzo 2018. Arrivata alla 22^ edizione, la competizione, che si avvale di una giuria internazionale, ha lo scopo di evidenziare, di premiare e stimolare lo sforzo delle aziende al continuo miglioramento della propria immagine in chiave marketing. Arredamento, accessori e tecnologie birrarie. Fiera per tutta la filiera vino e olio di oliva, Enolitech ha tra i suoi espositori anche importanti aziende di complementi di arredamento per la conservazione e di accessori per la degustazione e il consumo.

 

Inoltre, assecondando la rapida crescita della birra artigianale all’interno del Salone internazionale dell’agroalimentare di qualità (www.solagrifood.com) che si svolge in contemporanea assieme a Vinitaly (www.vinitaly.com), Enolitech negli ultimi anni ha aperto anche alle tecnologie birrarie.

 

Fonte: Servizio Stampa Veronafiere

 

Previous

DE CASTRO: SALVE GRAPPE E ACQUAVITI DISTILLATE DA PRODOTTI...

Next

ENOLITECH, NEL 2019 LA RASSEGNA TORNA NELL’AMBITO DI...